Pensieri...

La Calabria sembra essere stata creata da un Dio capriccioso che, dopo aver creato diversi mondi, si è divertito a mescolarli insieme. (Guido Piovene)











«Se rinuncio ad amare la mia terra, contribuisco a distruggerla».



(Doris Lo Moro)











Chi di noi non ha mai sognato, specialmente in età adolescenziale, di scappare via dalla propria terra, dal proprio paese natìo?



Io penso sia una cosa capitata un pò tutti.



Evadere dalla solita routine, cercare cose e volti nuovi, viaggiare...è normale...



Poi, magari arriva quel tempo in cui ti soffermi a pensare e ripensare e forse t'accorgi che quello che hai trovato, seppur fondamentale, ti ha fatto perdere o lasciare indietro nel tempo, cose che credevi di odiare e non sopportare, e che poi ti stuzzicano, ti cercano, ti mancano...e che forse amavi...solo che non lo sapevi. (Anna)











Clikka sulla mia pagina FB

martedì 23 agosto 2011

Acquaru (Acquaro)


Acquaru d'oja, Acquaru i na vota.
Acquaru chi si gira e chi si vota.
Acquaru chi s'imbrojja,
ma sempa sa sbrojja.
Acquaru chi cerca u vola atu,
ma 'nta 'nchianata perda u jiatu.
Acquaru silenziusu e giudiziusu.
Acquaru faticusu, ma sempa maliziusu.
Acquaru d'acqui e munti circundatu,
chi mali facisti 'nto passato?
Fuarzi hai cunti chi
non pagasti e fino
a mo 'ndi portasti.
'Nte vichi silenziusi
quant'aggianti assai coriusi!
C'eranu gutti, coddari
e cummari chi fitti, fitti
ciuciuliavanu e puru... criticavanu!
Eppuru dicìanu rosari,
cu i patrinuastri 'nte mani.

Puru cìarti omani pregavanu.
A fidi 'nto Signuri è assai randa
di Poteja a chija vanda.
Magari 'nta rraggia jestimavi,
ma a dominica a missa non mancavi.
L'uamu sempa arriadu all'ultimi banchi,
i fimmani avanti tutti piatusi,
ma cull'uacchi sempa coriusi.
Fimmani i na vota chi filavanu
e chiacchiarijavanu.
Omani chi gridavanu,
ma fuarzi nenta cuntavanu.
In giru cotrari chi jocavanu
e si capita,duapu nu puacu
s'acchiappavanu.

Oh Acquaru 'nzonnijjiatu,
quandu ti rivijji di
stu suannu tantu aggitatu?
Ciarcu u ti scuardu e
nommu ti pianzu,
ma mi giri e mi rivuati
mu mi truavu sempa
ammianzu all'acquaruati.
Ti pianzu e ti vorria cancellare,
ti guardu e ti vorria amare,
ma nenta cchiù
si pò fare: u passatu è passatu
e no pò tornare.
Restanu ricuardi assai penusi
ca su cchiù scuri
e brutti di nuatti friddusi.
Restanu paruali mai ditti
ca 'nto cuari stannu stritti.
Eccu, Acquaru chi ti volìa cuntare...
Sugnu fijja tua e non mi scordare.

(Anna Maria Chiapparo 2008)

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti va lasciami un saluto. Mi farà piacere sapere che sei passato di qua e ti sei soffermato. Grazie