Pensieri...

La Calabria sembra essere stata creata da un Dio capriccioso che, dopo aver creato diversi mondi, si è divertito a mescolarli insieme. (Guido Piovene)











«Se rinuncio ad amare la mia terra, contribuisco a distruggerla».



(Doris Lo Moro)











Chi di noi non ha mai sognato, specialmente in età adolescenziale, di scappare via dalla propria terra, dal proprio paese natìo?



Io penso sia una cosa capitata un pò tutti.



Evadere dalla solita routine, cercare cose e volti nuovi, viaggiare...è normale...



Poi, magari arriva quel tempo in cui ti soffermi a pensare e ripensare e forse t'accorgi che quello che hai trovato, seppur fondamentale, ti ha fatto perdere o lasciare indietro nel tempo, cose che credevi di odiare e non sopportare, e che poi ti stuzzicano, ti cercano, ti mancano...e che forse amavi...solo che non lo sapevi. (Anna)











Clikka sulla mia pagina FB

domenica 20 novembre 2011

Vi cuntu du dialettu

Sapiti, na vota, cu na perzuna inventammu
 nu passatiampu  assai coriusu...
Mi dissa u ci dicu cuamu si dicìanu cìarti cuasi
o mio paisi.

 A chi bella trovata! Sapiti ca mi trovai impreparata?!
Cuminciai a penzare, e tanti cuasi strani, m'avia scordatu!
E' strana a mimuaria quandu non è allenata.
Tuttu si jungia e diventa cosa i jornata!

Paruali strani, ciartu 'ndavimu...
Ci penzai nu puacu e allura: a curria,
 u carijjuattu, u salaturi
e u puzzuniattu...e pua chiù 'ndaju e chiù 'nda miattu!
Mi ricordai paruali ca di tantu tiampu ne dicìa
e fu na sorpresa puru pe mmia.

A brocca e u gozzariaju, u cotraru e u cotrariaju;
a zita e i cotraschiuni, coddari e coddaruni.
I frittuli e i salimuari, i pruppuna e i satizzuna!
Non vi dicu e non vi cuntu quandu ci dissa ch'era u tambutu!

A sporteja e u panaru, u vijuazzu e u tambutaru!
A majija pe 'mpastare e a lumera pe 'lluminare.
U salicu pe ligare e a ligami pe 'mbazare.
U runcijju pe tajjare e po frunti u jijju a cumpruntare!

U cumpariaju e u cotrariaju, u nannu e puru u zitiaju.
A 'nchianata e puru a 'ncrinata.
Ogni cosa paria preparata. I ricuardi arrivaru
e penzai puru o magaru!

U piruniaju, u landiuni e puru o stuppiaju.
A cordeja, i zinzuli e a poseja,
 u stuaccu e puru da jocata o tuaccu!
Mi ricordai di coddareja e puru i Bettareja e da Cialateja...
Da suriaca e da scariola fatta 'nzalata.

A calia e u cacau, u 'nzuju e di tiralli,
ca pianzu ognunu i nui mangiau.
A panata e di lordita, prestanachi e curujicchia...
e magari puru i picchia.

M' accorgivi ca non era tantu rimbambita...
U dialettu non du scordamu puru si no parramu.
Simu d'Acquaru e Calabrisi e du portamu 'nta ogni paisi.


Chiapparo Anna Maria               (Tutti i diritti riservati)


Nessun commento:

Posta un commento

Se ti va lasciami un saluto. Mi farà piacere sapere che sei passato di qua e ti sei soffermato. Grazie