Pensieri...

La Calabria sembra essere stata creata da un Dio capriccioso che, dopo aver creato diversi mondi, si è divertito a mescolarli insieme. (Guido Piovene)











«Se rinuncio ad amare la mia terra, contribuisco a distruggerla».



(Doris Lo Moro)











Chi di noi non ha mai sognato, specialmente in età adolescenziale, di scappare via dalla propria terra, dal proprio paese natìo?



Io penso sia una cosa capitata un pò tutti.



Evadere dalla solita routine, cercare cose e volti nuovi, viaggiare...è normale...



Poi, magari arriva quel tempo in cui ti soffermi a pensare e ripensare e forse t'accorgi che quello che hai trovato, seppur fondamentale, ti ha fatto perdere o lasciare indietro nel tempo, cose che credevi di odiare e non sopportare, e che poi ti stuzzicano, ti cercano, ti mancano...e che forse amavi...solo che non lo sapevi. (Anna)











Clikka sulla mia pagina FB

domenica 5 gennaio 2014

Calabria mia

Terra luntana 
vestuta di sula
Terra nativa
chi parri d'amuri
tutti t' amamu
ma si potimu
luntanu scappamu.
 
 Simu poeti e pitturi
e ti cantamu
canzuni d'amuri.
 
Tu sempa
'ndi aspiatti
supa si scuajji
e di tuttii parti
'ndi ricuajji.
 
Terra smaniusa
ca non hai riparu
duni alluaggiu
all'uamu e o cotraru.
 
Si matri terra
pe'  fimmani 'ngrati
ca oja juarnu
su tutti emigrati.
 
Puru io
matre mia ti dassai
e nu puacu m'alluntanai
ma non c'è n'ura
i  juarnu ca cu
penziaru attia
no fazzu rituarnu.
 
Calabria mia,
terra amara
pe tutti nui luntani
si sempa cchiù cara.
 
 
 (Chiapparo Anna Maria- poesia in vernacolo calabrese parlato ad Acquaro)

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti va lasciami un saluto. Mi farà piacere sapere che sei passato di qua e ti sei soffermato. Grazie