Pensieri...

La Calabria sembra essere stata creata da un Dio capriccioso che, dopo aver creato diversi mondi, si è divertito a mescolarli insieme. (Guido Piovene)











«Se rinuncio ad amare la mia terra, contribuisco a distruggerla».



(Doris Lo Moro)











Chi di noi non ha mai sognato, specialmente in età adolescenziale, di scappare via dalla propria terra, dal proprio paese natìo?



Io penso sia una cosa capitata un pò tutti.



Evadere dalla solita routine, cercare cose e volti nuovi, viaggiare...è normale...



Poi, magari arriva quel tempo in cui ti soffermi a pensare e ripensare e forse t'accorgi che quello che hai trovato, seppur fondamentale, ti ha fatto perdere o lasciare indietro nel tempo, cose che credevi di odiare e non sopportare, e che poi ti stuzzicano, ti cercano, ti mancano...e che forse amavi...solo che non lo sapevi. (Anna)











Clikka sulla mia pagina FB

sabato 6 febbraio 2016

Tempo di olive, olio nuovo e frantoi moderni

 Sembra così lontano il tempo delle raccolta delle olive  in Calabria.
Il tragitto spesso lungo e tortuoso a piedi, nelle gelide mattinate. Il sonno, il freddo, la fatica, il mal di schiena per la schiena curva nonostante le reti...altri tempi...forse.
 Ora sembra una scampagnata, un divertimento. Una domenica da trascorrere coi figli, rendendoli partecipi della preziosa raccolta e soprattutto della nascita dell'olio pregiato.
 Ed è sempre quello l'inconfondibile profumo, anche se i locali sono più puliti e belli e i macchinari sempre più moderni.
 Tutto meccanizzato ormai da tempo.
 Ma vedere il frutto della fatica scendere nei recipienti, è sempre una nuova e bella emozione.
Emozione e ringraziamento alla terra che ancora ci nutre.


 Testo e foto di Anna M. Chiapparo

(Tutti i diritti riservati. E' vietata la riproduzione totale o parziale di questa pagina senza citare la fonte o l'autrice)

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti va lasciami un saluto. Mi farà piacere sapere che sei passato di qua e ti sei soffermato. Grazie