Pensieri...

La Calabria sembra essere stata creata da un Dio capriccioso che, dopo aver creato diversi mondi, si è divertito a mescolarli insieme. (Guido Piovene)











«Se rinuncio ad amare la mia terra, contribuisco a distruggerla».



(Doris Lo Moro)











Chi di noi non ha mai sognato, specialmente in età adolescenziale, di scappare via dalla propria terra, dal proprio paese natìo?



Io penso sia una cosa capitata un pò tutti.



Evadere dalla solita routine, cercare cose e volti nuovi, viaggiare...è normale...



Poi, magari arriva quel tempo in cui ti soffermi a pensare e ripensare e forse t'accorgi che quello che hai trovato, seppur fondamentale, ti ha fatto perdere o lasciare indietro nel tempo, cose che credevi di odiare e non sopportare, e che poi ti stuzzicano, ti cercano, ti mancano...e che forse amavi...solo che non lo sapevi. (Anna)











Clikka sulla mia pagina FB

sabato 24 giugno 2017

La P. Comunione






Ricordi..

Io la P.Comunione l'ho fatta a giugno. tanti anni fa... 

Si é parlato tanto negli anni di quei famosi vestitini tipo sposa, fino ad addurre le più svariate conclusioni alcune da me non condivisibili. 
A parte che mi piace la tunichetta uguale per tutti, ma dire che la bellezza del vestito era discriminante in base al ceto sociale, mi pare troppo.
So, purtroppo che é pur vero, ma quello che voglio dire é che siamo da sempre noi grandi a creare separazioni e discriminazioni. Nella mente di noi bambine era un giorno speciale, la P. Comunione. Bisognava farsi belli per Gesù ed ognuno come poteva. Anche un semplice vestito ai nostri occhi, era speciale perché era speciale il suo significato, il suo uso, non il vestito in se. Poi vennero le mode che uccisero la magia...
Se tu lo compri a Vibo, anch'io ci vado. Se tu lo paghi 50 io lo pago pure 70...e la festa, le bomboniere, la torta, gli invitati...oggi certe P. Comunioni fanno "arrossire" anche un matrimonio. Addirittura fanno il book fotografico del prima e dopo ecc. ecc...mah...
Siamo o non siamo noi?
Meno male che c'è ancora chi crede nella semplicità e la mette in atto.
La bellezza e la dolcezza della P.Comunione é proprio la sobrietà ed é compito del bravo catechista, della famiglia e del parroco, farlo capire ai bambini, ma se già il parroco stesso chiede la parcella per un sacramento...beh...non mi meraviglia più nulla.
(AMC)

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti va lasciami un saluto. Mi farà piacere sapere che sei passato di qua e ti sei soffermato. Grazie