Pensieri...

La Calabria sembra essere stata creata da un Dio capriccioso che, dopo aver creato diversi mondi, si è divertito a mescolarli insieme. (Guido Piovene)











«Se rinuncio ad amare la mia terra, contribuisco a distruggerla».



(Doris Lo Moro)











Chi di noi non ha mai sognato, specialmente in età adolescenziale, di scappare via dalla propria terra, dal proprio paese natìo?



Io penso sia una cosa capitata un pò tutti.



Evadere dalla solita routine, cercare cose e volti nuovi, viaggiare...è normale...



Poi, magari arriva quel tempo in cui ti soffermi a pensare e ripensare e forse t'accorgi che quello che hai trovato, seppur fondamentale, ti ha fatto perdere o lasciare indietro nel tempo, cose che credevi di odiare e non sopportare, e che poi ti stuzzicano, ti cercano, ti mancano...e che forse amavi...solo che non lo sapevi. (Anna)











Clikka sulla mia pagina FB

sabato 24 giugno 2017

"U cuccu" I fiori di sambuco

https://www.facebook.com/Annamariachiapparo/photos/a.446988438759221.1073741829.437578559700209/494497890674942/?type=3&theater



I fiori di sambuco ( u cuccu)

In questo periodo erano già fioriti ed ogni volta che attraversavo il ponticello di ferro del "Cannale" per andare da mia nonna, ne sentivo il delicato profumo.
Era là vicino che cresceva un rigoglioso arbusto che ogni anno s'ammantava di candide e delicate corolle.
Mia madre li raccoglieva ogni tanto e li faceva seccare per qualche giorno. Una volta asciutti li riponeva in un sacchetto di carta e li conservava. Sembravano delicati pizzi ingialliti dal tempo...
Oggi so che i fiori di sambuco si possono addirittura mangiare in frittelle, allora sapevamo che erano utili per le infiammazioni agli occhi.
Bastava fare un decotto e poi una volta freddo, lavare gli occhi piú volte al giorno. Funzionava come un po' tutti i rimedi casalinghi offerti da madre natura e dall'esperienza dei nostri avi.
Non so perché lo chiamassero "cuccu", ma chissà, magari aveva a che fare col cuculo, che in questo periodo diffondeva per l'aria il suo verso e in dialetto, chiamiamo "cuccu"...


il "cuccu" (fiore) fiorisce, quando il "cuccu" (cuculo) canta...potrebbe essere.

(Anna M. Chiapparo)

Nessun commento:

Posta un commento

Se ti va lasciami un saluto. Mi farà piacere sapere che sei passato di qua e ti sei soffermato. Grazie