Pensieri...

La Calabria sembra essere stata creata da un Dio capriccioso che, dopo aver creato diversi mondi, si è divertito a mescolarli insieme. (Guido Piovene)











«Se rinuncio ad amare la mia terra, contribuisco a distruggerla».



(Doris Lo Moro)











Chi di noi non ha mai sognato, specialmente in età adolescenziale, di scappare via dalla propria terra, dal proprio paese natìo?



Io penso sia una cosa capitata un pò tutti.



Evadere dalla solita routine, cercare cose e volti nuovi, viaggiare...è normale...



Poi, magari arriva quel tempo in cui ti soffermi a pensare e ripensare e forse t'accorgi che quello che hai trovato, seppur fondamentale, ti ha fatto perdere o lasciare indietro nel tempo, cose che credevi di odiare e non sopportare, e che poi ti stuzzicano, ti cercano, ti mancano...e che forse amavi...solo che non lo sapevi. (Anna)











Clikka sulla mia pagina FB

"U pane i casa"



Ancora oggi è molto diffusa in Calabria l'usanza di fare il pane in casa ed anche i fornai  tradizionali con forni a legna, sfornano il cosiddetto "pane i casa" che si sa, col fuoco di legna, ha tutt'altro sapore.

Nei paesi piccoli come il mio, chi non aveva  il forno poteva contare sulla generosità dei vicini che ce l'avevano in qualche angolo d'orto, in garage, in cortile ecc. e lo prestavano volentieri a parenti ed amici che ricambiavano il favore regalando una bella pagnotta calda e l'eventuale aiuto per qualche servigio. Quando in passato non esisteva ancora il lievito di birra classico,  per lievitare si usava il lievito madre (lavatu) che le nonne facevano impastando un pò di farina, acqua e sale e lasciavano ad inacidire. Questo impasto, era sempre tenuto da conto e formava una crosticina che nascondeva la pasta morbida. Quando serviva a qualche vicina, se ne prendeva una piccola porzione e la si regalava (lavatiajiu) oppure si dava tutto e poi veniva restituito il pari impasto fresco, da conservare nuovamente, rinnovandolo.

Per il pane si usa farina di grano duro o di mais anche miste.  Da noi la farina bella bianca, quasi impalbabile come borotalco, la chiamiamo "farina hjuruta" e non ha nemmeno un granello di crusca (canijjia). Quella di mais (mijjiu) serve a fare un pane più saporito, più consistente e soprattutto per i tradizionali panini di San Giuseppe (pizzatejia).


Il giorno deciso per fare il pane, tutto doveva essere pronto: frasche in abbondanza "per fare" il forno, tovaglie o lenzuole pulite, madia (majijia), acqua calda ecc.
Il pane s'impastava nella "majijia" aggiungendo alla farina setacciata col setaccio (crivu) il lievito sciolto in acqua tiepida, piano piano, fino a creare un impasto appiccicoso. Si scioglieva pure  il sale con l'acqua tiepida  e s'aggiungeva continuando ad impastare. Di solito la quantità di farina era tanta perchè si usava fare pane in abbondanza e quindi, anche per impastare, c'era spesso bisogno di aiuto.


Quando anche noi lo facevamo, aiutavamo mia mamma a girare la pasta sbattendola  e dando pugni con forza per far amlgamare bene il lievito e far in modo che l'aria penetrasse in fondo, a renderla più leggera. Quando tutto era ben amalgamato e di consistenza omogenea, la pasta  era pronta da  tagliare in forme.  Mi madre tagliava a tocchetti e sul piano infarinato in abbondanza della madia, velocemente creava ciambelle e  pagnotte  che venivano allineate su un ripiano  ben distanziate.




A questo punto  copriva tutto per bene con un lenzuolo tenuto apposta o una tovaglia e se era inverno  mettevamo sopra più coperte a riscaldare e far lievitare tutto velocemente. Dopo un'oretta, mia madre incideva il pane col coltello e soppesandolo capiva se era lievitato o meno  decidendo se lasciarlo ancora un pò. Nel frattempo si era già provveduto a preparare il forno, di solito con frasche di ulivo che da noi sono molto facili da trovare. Il forno riscaldava subito l'ambiente e se era inverno, a quell'ora di primo mattino, faceva molto piacere starci intorno a godere del calduccio che emanava. Se era estate non era affatto piacevole fare il pane e noi bambine facevamo di tutto per starne alla larga.
















Quando il pane era ben lievitato, ed il forno pronto (lo si capiva dai mattoni della cupola imbiancata dal calore), mia  mamma tirava in avanti la brace e la copriva con una vecchia tegola (ceramida) per non scottarsi e poi puliva ben, bene tutto il forno dalla cenere rimasta, con un attrezzo inventato che consisteva in un lungo manico con all'estremità dei cenci ben attaccati con fil di ferro (cajipu). Oggi ci sono in commercio apposite scope ricavate dalla palma nana, soprattutto in Sicilia, dove le chiamano "scupazzi".





 Questo veniva bagnato in un secchio tenuto vicino e con movimenti veloci  in un attimo il piano del forno (visula) era ben pulito.  Dopo, s'infarinava per bene una pala di legno col manico lungo e sopra venivano adagiate le pagnotte (paniatti) e le ciambelle (curuji) ad una ad una ed infilate nel forno dalla maestria della mamma che sapeva come metterle per farcele entrare tutte.


Quando il forno era quasi pieno, davanti metteva delle pagnotte stese e allargate con le mani perchè non gonfiassero tanto e cuocessero subito (pitte)

Da questo è nato il detto "Pari na pitta avanti furnu" (Sembri una "pitta" davanti al forno)per indicare una persona che sta sempre davanti a tutti quando c'è da vedere qualcosa  e naturalmente, inteso  ironicamente, intralcia gli altri.
Quando tutto il pane era infornato,  chiudeva la bocca del forno con la sua chiusura di ferro per trattenere ed espandere il calore, che chiamiamo "timpagnu".
Il pane cuoceva per una buona ora sorvegliato a vista in continuazione, dalla mamma perchè non bruciasse, ma non nella prima mezz'ora per non interrompere la lievitazione e farlo sgonfiare. Le prime a cuocersi, erano naturalmente le pitte che venivano di solito tagliate con l'aiuto di uno spago, in due parti e rimesse alla fine dentro per diventare pane biscottato come le più piccole freselle  in commercio.  Qualcuna veniva anche lasciata da mangiare imbottita con le prelibatezze che si avevano in casa (di solito "salimuari", cioè ciccioli del maiale) o con semplice olio e origano.


Inutile dire che ormai il buon profumo di pane caldo aveva già pervaso tutta l'aria del vicinato...

(queste due foto sopra sono state gentilmente concesse dalla signora Maria Galati)


Una volta cotto veniva tolto dal forno e scelto.
Scelto, nel senso che, qualcuno si lasciava per i giorni a venire, visto che si manteneva morbido a lungo, qualcun altro doveva essere regalato a parenti ed amici e un altro più ben fatto e cotto, naturalmente doveva essere regalato alla padrona del forno insieme ad una "pitta". Il resto veniva tagliato a "frese", le pitte di cui sopra con lo spago, altri a fette che sarebbero rifiniti ancora in forno a diventare pane duro biscottato.



Per diventare duro veniva rimesso in forno per qualche giorno e qualche notte. In tempi in cui non esistevano i congelatori e non tutti avevano il forno in casa per poterlo fare spesso, questo era un ottimo metodo per conservare a lungo "il pane di casa"che veniva poi custodito in sacchi di tela (cirmi) ben legati e riposti al sicuro nelle cassepanche (casce) o in dispense. Al bisogno veniva bagnato in acqua o brodo e consumato per zuppe, ma anche rosicchiato al naturale.



(Scritto da Anna Maria Chiapparo 2011)

Tutti i diritti riservati. Vietata la riproduzione anche parziale senza citarne la fonte o l'autrice

1 commento:

  1. Leggendo, leggendo affiora il ricordo della mia infanzia ed i giorni quando la mia mamma era solita preparare il pane di casa cotto nel nostro piccolo forno a legna...chiudo gli occhi e sento il profumo del pane appena sfornato ed il sapore del pane mangiato caldo e unto con l'olio d'oliva prodotto con le olive del nostro piccolo uliveto...che bonta`! Ti ringrazio Anna per questo bel viaggio della memoria...

    RispondiElimina

Se ti va lasciami un saluto. Mi farà piacere sapere che sei passato di qua e ti sei soffermato. Grazie